Oasi WWF Scivu: WWF raccoglie i fondi per crearla, manda anche tu un SMS!

Creare una nuova oasi WWF in Sardegna per tutelare il sistema dunale di Scivu in comune di Arbus è quello che vuole fare il WWF con una raccolta fondi a livello nazionale, scopri tutto e dici cosa ne pensi!

wwf-un-mare-di-oasi-per-te-salviamo-scivu.JPG


Dal 29 Aprile al 20 Maggio 2012 è possibile inviare un SMS da 2 euro al numero 45503 per aiutare il WWF a realizzare tre importanti progetti di salvaguardia di altretanti importantissimi sistemi costieri e dunali italiani. Il progetto si chiama  "un mare di Oasi per te" e riguarda anche la spiaggia di Scivu in territorio di Arbus, dove si vorrebbe creare una nuova oasi del WWF. D'altronde il complesso dunale che interessa la Costa verde, Scivu e Piscinas è il più esteso d'Europa.


Proprio dedicato ai sistemi dunali è stato infatti dedicato l'ultimo rapporto del WWF che dimostra come la pressione antropica sulle nostre coste si sia fatta per larghi tratti insostenibile. L'erosione infatti  L'erosione costiera interessa pesantemente il 42% dei litorali italiani (dati Cnr 2006), e su quasi 8mila Km di coste, solo il 30% é rimasto allo stato naturale, mentre negli ultimi 100 anni l'80% delle dune è scomparso e il 50% dei litorali risulta ormai compromesso.


Creiamo insieme la nuova Oasi di Scivu (Sardegna):


"Si tratta di una delle aree più interessanti dal punto di vista naturalistico e paesaggistico del Mediterraneo, più di 200 ettari nel territorio di Arbus, provincia del Medio Campidano: una fascia che comprende la parte inferiore del sistema costiero di Piscinas, con dune alte e ricoperte dalla macchia, dove vive, tra gli altri, il cervo sardo. L'area è minacciata dal taglio della vegetazione e in particolare dei ginepri secolari, dal passaggio dei fuoristrada, da un diffuso disturbo all'ambiente naturale. La nascita e la gestione dell'oasi consentirà di tutelare e riqualificare l'ambiente delle dune, favorire la presenza del cervo sardo e dell'altra fauna, far fruire in maniera sostenibile un bene di grande valore".


Il decalogo del WWF per salvare le ultime dune:

Nel sito WWF è presente anche un utile decalogo sul come salvaguardare le dune ed evitarne l'erosione, ve lo propongo:


- Le dune devono essere considerate non calpestabili;


- Necessario non incentivare l'afflusso di ulteriori bagnanti;


- ...e in taluni casi limitarlo laddove la presenza di bagnanti ha superato ogni limite sostenibile;


- Stop a nuove concessioni;


- Evitare l'uso di automezzi siano essi trattori, vagliatrici, ruspe o fuoristrada, gommati o cingolati;


- La pulizia, stagionale o quotidiana, deve essere effettuata a piedi e a mano;


- Tronchi, rami, canne, foglie ed alghe vanno infatti lasciati laddove il mare li ha depositati;


- I resti di Posidonia oceanica vanno lasciati dove il mare li deposita;


- La duna va conservata nella sua integrità, cercando semmai di favorirne il reinsediamento nei punti in cui è scomparsa e di ampliarla verso il mare dove nel tempo è stata distrutta;


- Lo spazio di spiaggia da riservare ai bagnanti è quello tra la battigia e il limite delle mareggiate invernali;


- I bidoni per l'immondizia è meglio non disporli sulla spiaggia, tantomeno sulla duna;


- I parcheggi è bene che siano previsti, nelle aree meno pregiate, per evitare che gli automezzi vengano lasciati ovunque, addirittura sulla duna;


- Interventi di restauro ambientale e ripascimenti vanno promossi con grande cautela, esplorando prima tutte le possibilità.



LINKS UTILI:


Un mare di oasi per te, il progetto sul sito del WWF


Oasi di Scivu (Sardegna), scheda sul sito del WWF


Il WWF per le ultime dune costiere


Italia perde le sue coste, compromesso 50% in un secolo


Dove andare in vacanza: Wwf, online le proposte per l'estate 2012


Sardegna: La Costa verde e le dune di Piscinas sul Corriere della Sera


Foto di Sardegna: Ancora Arbus, località Manago, presso Capo Pecora


Foto Tombe dei Giganti della zona di Capo Pecora


Arbus, è di nuovo tensione fra cervi e agricoltori


Cartoline da Fluminimaggiore, Buggerru e Arbus - Foto di Sardegna


Montevecchio e Arbus, decine di Cervi Sardi lasciano casa per andare a ripopolare l'Ogliastra


Il Cervo Sardo ritorna nelle foreste dell'Ogliastra

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO