Incendi in Sardegna: Inferno di fuoco, morti, distruzione, case evacuate, strade bloccate e turisti in fuga, la giornata peggiore dall'83.

Scritto da: -

Un'immagine di speranza, la natura rinasce l'inverno dopo un incendio estivo.. (La foto è mia)

Aggiornamento: Situazione incendi al 23-24-25-26 luglio, aggiornamento al giorno quarto: E' caccia aperta ai piromani, numerose segnalazioni presto i primi arresti, ieri altra dura giornata, 400 turisti evacuati dai villaggi turistici della zona di Budoni,  nuovi focolai e incendi anche a Siliqua, Bonorva, Suni, Trinità d'Agultu e a Pedralonga presso Orune, a Banari, nel Gerrei, e sull'Ortobene. Mentre questo è il resoconto sugli incendi di Codrongianos, Cargeghe, Banari nell’Oristanese, tuttavia dopo la paura di ieri con Usellus e Villaverde (Monte Arci) e San Nicolò Gerrei circondati dalle fiamme, grazie anche ai 3 Canadair giunti dalla Corsica, la situazione sembra oggi sotto controllo, si procede alla bonifica del territorio. Oggi i funerali dei morti nell'incendio.  Accertata per 10 incendi l'origine dolosa trovati infatti gli inneschi a Berchiddeddu, prima stima 100 milioni di Euro di danni, 15 mila gli ettari bruciati, polemiche e disperazione segui la diretta su La Nuova Sardegna e l'Unione Sarda .

———————————-

Prima di tutto, prima di parlare di questa infernale giornata di incendi, vi invito a leggere questi due articoli:

- Primi grandi incendi estivi in Sardegna: 1515 Forestale e 115 Vigili del Fuoco sono i numeri telefonici d' emergenza da chiamare.

- Ecco cosa fare in caso di incendio per sfuggire al fuoco

 

Ci risiamo, due morti, due pastori che cercavano di salvare il proprio gregge dalle fiamme, centinaia i capi di bestiame arsi vivi in quella che è stata una giornata campale, tutta la Sardegna è in fiamme , distruzione, 10 mila ettari finiti in cenere, case evacuate a Loiri, Porto San Paolo, Budoni e San Teodoro, ancora a Ittireddu, Ozieri e Nughedu San Nicolò, Platamona e il villaggio Arboriamar, assediate dal fuoco Florinas, Codrongianos, Ploaghe, evacuato anche il carcere di “Is Arenas” nell'Iglesiente, viabilità in crisi, strade princiali e ferrovie bloccate e turisti in fuga salvati sulle spiagge a Capo Pecora, un Hotel brucia ad Arzachena , la giornata peggiore dall'83, il vento di scirocco e le alte temperature (46° a Valledoria presso Sassari), le piogge di quest'inverno che hanno fatto crescere un metro e mezzo di fieno nei campi, hanno dato gioco facile agli incendiari.

Non sono bastati 9 canadair, 1 elitanker e 11 elicotteri per avere ragione del fuoco, 7 incendi sono stamane ancora attivi dopo aver bruciato tutta la notte, chiesto aiuto alla Corsica , nella splendida zona di Monte Arci la situazione viene descritta come catastrofica , ho le lacrime agli occhi, solo chi ci è stato sa cosa sta venendo perso Frown.

Non ha molta importanza se sia trattato di incendi dolosi o colposi, di un gioco criminale o semplice incoscienza, noncuranza o menefreghismo, io stesso avanti ieri, nel paese dove vivo, ho spento un mozzicone di sigaretta lanciato da un'auto e caduto a 5cm dal fieno lungo la carreggiata, più sopra i boschi.. se quattro anni di galera non spaventano le pene devono essere molto più dure.

Vien da chiedersi talvolta se Noi Sardi ci meritiamo di vivere in una Paradiso naturale come la Sardegna, forse no visto che stiamo provando con ogni mezzo, dalle fiamme al cemento, a distruggerlo.

E saranno ancora giornate di passione, di caldo e scirocco, ed ho paura, paura che imitatori, mitomani e psicolabili si mettano in azione, per questo ho scelto per questo blog un basso profilo, niente foto o video del disastro, ma un'immagine di speranza, un germoglio che spunta in un bosco bruciato dopo le piogge invernali, di incendi bisogna parlare, bisogna sensibilizzare ed educare, ma gli incendi NON vanno assolutamente spettacolarizzati. Il rischio è troppo grosso.

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
 
Aggiorna
  • nickname Commento numero 1 su Incendi in Sardegna: Inferno di fuoco, morti, distruzione, case evacuate, strade bloccate e turisti in fuga, la giornata peggiore dall'83.

    Posted by:

    Non aggiornerò ulteriormente la news sugli incendi in Sardegna, commentate se volete, fatte sentire la vostra voce ed il vostro pensiero.La DIRETTA su questi tragici eventi di fuoco è consultabile sul sito de La Nuova Sardegna. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 2 su Incendi in Sardegna: Inferno di fuoco, morti, distruzione, case evacuate, strade bloccate e turisti in fuga, la giornata peggiore dall'83.

    Posted by:

    ogni anno sara' più drastico,ogni anno c'è chi si arricchira a spese nostre a spese della nostra Sardegna è tutto inutile...... guardiamo dove "bruciano" l'anno prossimo ci sara' gia' qualcuno che comprera' quell appezzamento per costruire e poi arricchirsi alle spalle dei nostri morti,delle nostre "foreste" della nostra isola.    Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 3 su Incendi in Sardegna: Inferno di fuoco, morti, distruzione, case evacuate, strade bloccate e turisti in fuga, la giornata peggiore dall'83.

    Posted by:

    3 MERY sono immensamente addolorata, FRANCO hai ragione la ormai la nostra isola è diventata pane per i ricchi ci sarà anche l'autocombustione ma penso che fa gola specie da parte di sassari cèrano montagne alberi ora fa gola probabilmente dopo costa celeste arrivera costa arcobaleno noi sardi nella nostra terra  siamo diventati estranei mi sembra strano che il sardo con l'orgoglio che ha per la propria terra si faccia abbindolare nella foresta piena di cervi sardi flora fauna peccato!!!!!!!!!!! Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 4 su Incendi in Sardegna: Inferno di fuoco, morti, distruzione, case evacuate, strade bloccate e turisti in fuga, la giornata peggiore dall'83.

    Posted by:

    una domanda sorge spontanea, ma noi I SARDI che ci facciamo nell' isola? oltre a farci prendere a calci dall' "Italia" che diritti abbiamo su noi stessi? sulla "nostra" terra? Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 5 su Incendi in Sardegna: Inferno di fuoco, morti, distruzione, case evacuate, strade bloccate e turisti in fuga, la giornata peggiore dall'83.

    Posted by:

    Sono d'accordo con voi Franco e  Mery, specie per gli incendi di Olbia, pare le indagini vadano già in direzione della speculazione edilizia. Praticamente tutti gli incendi di questi giorni sono dolosi.Ma a Monte Arci e a Dolianova? a Pozzomaggiore? Quali sarebbero gli interessi "stranieri"? Li è tutta demenza nostra, fino a quando chi sa non parla, anche i familiari degli incendiari devono prendere coraggio e denunciare, poco si potrà fare, e le pene devono essere durissime. Chi appicca il fuoco sa che può causare la morte di uomini e animali, mettere in ginocchio l'economia di paesi interi, ma lo fa ugualmente, se ne sbatte, anzi forse ci gode anche, di gente simile cosa ce ne facciamo? Vuole messa in galera e buttata via la chiave, è terrorismo economico e ambientale, allora li si giudichi con l'apposita legislazione. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 6 su Incendi in Sardegna: Inferno di fuoco, morti, distruzione, case evacuate, strade bloccate e turisti in fuga, la giornata peggiore dall'83.

    Posted by:

    GAVINO SALE «Da due giorni combatto contro il fuoco, ma ho perso tutto». La voce, più rabbiosa che disperata, racconta il dramma di uno dei tanti imprenditori agropastorali della Sardegna a cui gli incendi hanno tolto anche la speranza. È la storia delle ultime 48 ore di Gavino Sale, leader del movimento indipendentista dell'Irs. «Io la mia battaglia l'ho già persa - commenta amaro il leader indipendentista. Le fiamme hanno raso al suolo l'azienda agricola, e si sono prese anche il mulino ad acqua: un vero peccato. Ho salvato i cavalli, ma ora non so dove metterli. E mi sono salvato anch'io: non è poco, è vero, ma guardare al futuro, in questo momento, mi risulta difficile» (fonte). Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 7 su Incendi in Sardegna: Inferno di fuoco, morti, distruzione, case evacuate, strade bloccate e turisti in fuga, la giornata peggiore dall'83.

    Posted by:

    Tonino Pischedda, sindaco di Pozzomaggiore: "Dietro i roghi che hanno devastato giovedì la Sardegna ci sarebbero gli interessi di molte mafie, quella dei mezzi di soccorso, quella dei mezzi aerei e probabilmente anche la mafia dei mangimi" (fonte). Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 8 su Incendi in Sardegna: Inferno di fuoco, morti, distruzione, case evacuate, strade bloccate e turisti in fuga, la giornata peggiore dall'83.

    Posted by:

     Vuole messa in galera e buttata via la chiave, è terrorismo economico e ambientale, allora li si giudichi con l'apposita legislazione. Carcere ai piromani, pronto il decreto Pene fino a 15 anni.- Sino a 15 anni di carcere se dalle fiamme deriva un disastro ecologico. Sino a dieci se l' incendio è semplicemente doloso.(corriere della sera "archivio 6 luglio 2000") -fino a oggi sono sempre 4 anni di carcere contro i piromani (è nn li fanno)      Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 9 su Incendi in Sardegna: Inferno di fuoco, morti, distruzione, case evacuate, strade bloccate e turisti in fuga, la giornata peggiore dall'83.

    Posted by:

    ho comprato casa 3 anni fà alle sorgenti di dolianova...a sacrificio l hò ristrutturata il sogno della mia vita...le mie montagne...la pace la serenità della natura incontaminata spazzata via dalle fiamme...chiunque sia stato a procurare tanto orrore e sofferenza io dico solo questo : non sei di questa terra...non hai cuore...non hai amore per te stesso...sei perso nel nulla...non esiste pena maggiore di questa...sei morto dentro...le mie montagne rinasceranno...e io aspetterò...   Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 10 su Incendi in Sardegna: Inferno di fuoco, morti, distruzione, case evacuate, strade bloccate e turisti in fuga, la giornata peggiore dall'83.

    Posted by:

    Il problrma è che appicc il fuoco è gente disturbata, psicolabile, che gode a fare del male, vuole vendicarsi contro la società e contro il senso di pace che la natura da alle persone normali.. Perché ad una persona che ha dentro il chaos da fastidio che ci sia qualcosa di bello e magari qualcuno felice, non lo può sopportare, deve rendere tutto il mondo attorno a se come il suo io.. tormentato, vuoto, morto.. a prescindere che lo faccia per interesse economico o meno, la motivazione di fondo è la stessa.. In più vogliono attirare l'attenzione, vogliono sentirsi importanti per un giorno e godersi sui giornali e su internet i video, le foto, lo sgomento che hanno provocato per colmare temporaneamente il loro vuoto interiore, per questo non ho messo foto del disastro in questo articolo, per non dargli soddisfazione, questa gente è malata e pericolosa e vuole internata, se li liberi torneranno a colpire.Simona mi spiace tanto per la tua casa, io ho fatto lo stesso, ho comprato e ristrutturato la casetta dei miei sogni in montagna, se me la distruggessero, non so come ragirei.. complimenti per la forza d'animo che dimostri. Un abbraccio. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 11 su Incendi in Sardegna: Inferno di fuoco, morti, distruzione, case evacuate, strade bloccate e turisti in fuga, la giornata peggiore dall'83.

    Posted by:

    Sebastiano Venneri, vicepresidente di Legambiente:“Il ritardo dei comuni nella realizzazione del catasto delle aree percorse dal fuoco, rappresenta un problema grave. Fermare a monte la possibilità di speculare sul fuoco è un’azione basilare che i sindaci, soprattutto delle zone ogni anno più colpite dalle fiamme, devono mettere in pratica per contribuire a mettere fine a questa ciclica emergenza. E dove le amministrazioni locali risultano inadempienti, sia la Regione a provvedere al catasto con i dati forniti dalla Forestale così che siano imposti i vincoli di legge a quelle aree. Solo così si potrà fermare il business che alimenta questa emergenza, eliminando a monte ogni possibilità di speculare sugli incendi”.   Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 12 su Incendi in Sardegna: Inferno di fuoco, morti, distruzione, case evacuate, strade bloccate e turisti in fuga, la giornata peggiore dall'83.

    Posted by:

    Parto da una premessa, ma noi sardi siamo al corrente del fatto che in Sardegna si può vivere solo di turismo?....sembrerà banale ma noi sardi siamo autolesionisti, continuando così, con questi incendi si blocca l'economia e, visto i tempi che corrono, la situazione si va a peggiorare. Io mi domando, perchè in Trentino, che è una regione ricoperta da boschi, non si sente mai parlare di incendi?...ecco manca la cultura del rispetto della natura e di tutto quello che ci circonda...finchè non cambieremo mentalità non faremo altro che peggiorare la situazione locale; bisogna partire dalla prevenzione. Voglio dire una cosa. A voi piromani, che avete distrutto la nostra fonte di respiro, fattevi un'esame di coscenza di tutt il male che avete arrecato a queste famigle che hanno erso i propri cari, morti del vostro rogo. Avete ucciso la vita di queste due persone, vogliose di vivere e dedite al lavoro.Parto da una premessa, ma noi sardi siamo al corrente del fatto che in Sardegna si può vivere solo di turismo?....sembrerà banale ma noi sardi siamo autolesionisti, continuando così, con questi incendi si blocca l'economia e, visto i tempi che corrono, la situazione si va a peggiorare. Io mi domando, perché in Trentino, che è una regione ricoperta da boschi, non si sente mai parlare di incendi?...ecco manca la cultura del rispetto della natura e di tutto quello che ci circonda...finché non cambieremo mentalità non faremo altro che peggiorare la situazione locale; bisogna partire dalla prevenzione.  Voglio dire una cosa. A voi piromani, che avete distrutto la nostra fonte di respiro, fattevi un esame di coscienza di tutto il male che avete arrecato a queste famiglie, che hanno perso i propri cari, morti del vostro rogo. Avete ucciso la vita di queste due persone, vogliose di vivere e dedite al lavoro.   Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 13 su Incendi in Sardegna: Inferno di fuoco, morti, distruzione, case evacuate, strade bloccate e turisti in fuga, la giornata peggiore dall'83.

    Posted by:

    Markolino, certo che sanno tutto, sanno che potrebbero ammazzare persone, sanno del male che fanno, ma non gliene sbatte nulla, loro ci gono, si sentono importante, si sentono Dio, il loro volere distrugge le vite di persone inermi, sono potenti.. Sto diventando pro-linciaggio, se qualcuno lo dovessero mai prendere che lo diano in pasto a chi ha subito i danni..   Scritto il Date —